Norme per la rete distributiva dei carburanti

Con delibera n° 35-9132 del 7 luglio 2008 (pubblicata sul supplemento B.U.R. Piemonte n° 29 del 17 luglio 2008) la Giunta Regionale ha riscritto il provvedimento attuativo ed in particolare la disciplina dettata dalla D.G.R. 57-14407 del 20 dicembre 2004, al fine di renderne coerente ogni sua parte con lo scopo di conferirle attualità, rispetto ai mutamenti di fatto nel tempo intervenuti.

Documentazione da scaricare

Testo completo della deliberazione della Giunta Regionale 7 luglio 2008 n. 35-9132

Elenco e orari distributori

Orari di apertura

L'art. 16 della deliberazione della Giunta Regionale 7 luglio 2008 n. 35-9132 sancisce che l'orario minimo settimanale degli impianti stradali è di 52 ore,

  • a decorrere dal 1° agosto 2008 può essere aumentato fino ad un massimo di 60 ore
  • a decorrere dal 1° luglio 2009 può essere aumentato fino ad un massimo di 70 ore
  • a decorrere dal 1° luglio 2010 può essere aumentato fino a 78 ore.

I gestori nel rispetto dei suddetti limiti devono garantire l'apertura nelle fasce orarie che vanno dalle 9.00 alle 12.00 e dalle ore 15.00 alle 18.00, stabilendo liberamente l'articolazione giornaliera e settimanale dell'orario di apertura dell'impianto. Tale orario deve collocarsi fra un minimo di 9 ore ed un massimo di 13 ore giornaliere, con apertura antimeridiana non anteriore alle ore 7.00 e chiusura serale non successiva alle 22.00 .

La scelta dell'orario è comunicata all'amministrazione comunale, a mezzo di lettera raccomandata con ricevuta di ritorno da inviarsi almeno 30 giorni prima dell'inizio del periodo a cui si riferisce (coincidente con il periodo di vigenza dell'ora solare o dell'ora legale). La scelta non può essere modificata se non in previsione del periodo successivo.

Il Comune, qualora ravvisi un'incompatibilità fra l'orario proposto e particolari esigenze dell'utenza, invita il gestore a modificare l'orario.

Il gestore è tenuto a rendere noto al pubblico l'orario di effettiva apertura e chiusura dell'impianto mediante cartelli o altri mezzi idonei di informazione.

E' consentito lo scarico delle autocisterne per il rifornimento degli impianti di distribuzione carburanti anche nelle ore in cui gli stessi sono chiusi al pubblico e comunque in accordo col gestore.

I gestori hanno la possibilità di variare il loro orario per il periodo di vigenza dell'ora legale.

Documentazione da scaricare

Modello per la comunicazione degli orari di apertura ora legale

Modello per la comunicazione degli orari di apertura

Collaudo quindicennale

L'art. 6 della Legge Regionale 31 maggio 2004, n. 14 prevede che le verifiche sull'idoneità tecnica degli impianti, ai fini della sicurezza sanitaria ed ambientale sono effettuate con collaudo a cadenza quindicennale. Il collaudo è disposto dal comune competente, su richiesta del titolare dell'autorizzazione, mediante istituzione e convocazione di un'apposita commissione composta da un funzionario comunale, da un rappresentante del comando provinciale dei Vigili del fuoco competente per territorio e da un rappresentante dell'Agenzia regionale per la protezione ambientale del Piemonte (ARPA).

Gli oneri relativi al collaudo, determinati dal Comune, sono a carico del richiedente, che provvede al versamento delle somme presso le competenti tesorerie comunali.

Documentazione da scaricare

Modulo da presentare per il collaudo

Impianti di distribuzione carburanti – Rilascio autorizzazione per installazione ed esercizio