Skip to main content

Cessione di fabbricato

La comunicazione di cessione di fabbricato

è la dichiarazione che deve presentare chiunque ceda la proprietà o il godimento di un fabbricato o parte di esso o ne consenta, per un periodo superiore a 1 mese, l’uso esclusivo a qualunque altro titolo.

Si presenta su apposito modulo:

MODULO

  • entro 48 ore dalla consegna dell’immobile
  • direttamente o tramite raccomandata con ricevuta di ritorno all’autorità locale di pubblica sicurezza ovvero, al Questore nel capoluogo di provincia oppure ai Funzionari preposti ai Commissariati di Polizia, negli altri comuni
  • per il comune di Pinerolo presso gli uffici della Polizia Municipale:
    da Lunedì a Venerdì ore 9.00 – 12.00
    tel. 0121 361 212 oppure 0121 361 278

Nel modulo va riportato:

  • l'esatta ubicazione dell'immobile
  • le generalità dell’acquirente, del conduttore o della persona che assume la disponibilità del bene
  • gli estremi del documento di identità o di riconoscimento che il cedente deve richiedere al cessionario.

L’OBBLIGO di DICHIARAZIONE vige nei seguenti casi:

  • nelle Cessioni di fabbricato per locazione ad uso abitativo effettuate nell'esercizio di un'attività d'impresa o di arti e professioni
  • nelle Cessioni di fabbricato e/o dichiarazioni di ospitalità per cittadini extracomunitari in entrata
  • nelle Cessioni di fabbricato con contratto di Comodato d’uso gratuito non registrato
  • nei casi previsti, anche quando l’immobile venga ceduto a qualunque titolo tra parenti stretti

L’esenzione dell’OBBLIGO di DICHIARAZIONE vige nei seguenti casi:

  • nelle cessioni di fabbricato con contratto di locazione registrato
  • nelle cessioni di fabbricato con contratto di Comodato d’uso gratuito registrato
  • nei casi di compravendita di immobili o di diritti immobiliari, per cui sia avvenuta la registrazione

APPROFONDIMENTI LEGISLATIVI

NORMATIVA DI RIFERIMENTO:

  1. Decreto Legge 21 marzo 1978, n. 59 “Norme penali e processuali per la prevenzione e la repressione di gravi reati” convertito in legge, con modificazioni, dalla Legge 18 maggio 1978, n. 191;
  2. Decreto legislativo 14/03/2011, n. 23 – art. 3;
  3. Decreto legge 13/05/2011, n. 70 – art. 5;
  4. Circolare Ministero dell’Interno n. 557/LEG/010.418.6 del 31/05/2011
  5. Decreto legislativo 25/07/1998, n. 286 -art.7.