Skip to main content

DISPOSIZIONE ANTICIPATA DI TRATTAMENTO

Che cos’è la Disposizione anticipata di trattamento (D.A.T.)

La D.A.T. - Dichiarazione Anticipata di Trattamento viene anche chiamata testamento biologico o di vita. E’ un documento strettamente personale con cui una persona maggiorenne (l’intestatario), capace di intendere e di volere, esprime la propria volontà in merito ai trattamenti sanitari nel caso in cui, in futuro, si trovasse in condizione di non poter manifestare la propria volontà.
In sostanza può dichiarare se  accettare o rifiutare trattamenti sanitari, accertamenti diagnostici o scelte terapeutiche (dopo aver acquisito informazioni mediche sulle conseguenze delle proprie scelte).

Per essere valida, la dichiarazione deve contenere il nome di almeno una persona maggiorenne: il fiduciario (che ha l’incarico di far rispettare la volontà dell’intestatario della DAT). L’intestatario può sempre decidere di cambiare il fiduciario, modificare le sue disposizioni o ritirare la sua D.A.T.

Chi è il fiduciario

E’ la persona maggiorenne che si impegna a garantire lo scrupoloso rispetto delle volontà espresse dall’intestatario della D.A.T, che fa le sue veci e che lo rappresenta nelle relazioni con il medico e le strutture sanitarie.

Al fiduciario viene consegnata una copia della DAT. Se una persona viene nominata fiduciaria, ma non intende più svolgere questo compito, può rinunciare all’incarico e presentare in Comune una dichiarazione.

Come si presenta una D.A.T.

Data la delicatezza del documento e del suo contenuto, è necessario che chi presenta la D.A.T. rispetti questa procedura:

scrivere la propria dichiarazione anticipata di trattamento: per farlo, bisogna compilare questo modulo.  Sia l’intestatario che il fiduciario devono firmare la D.A.T.

mettere la D.A.T. in una busta chiusa insieme alle fotocopie dei documenti di identità dell’intestatario e del fiduciario: gli impiegati del Comune, quindi, non possono leggere il contenuto della D.A.T. e non sono responsabili in alcun modo di quello che c’è scritto.

• fissare un appuntamento: per farlo, bisogna rivolgersi all’ufficio di Stato Civile prendendo appuntamento con la responsabile dei Servizi demografici: Dott.ssa Barbara Camusso - telefonando  0121 361223, oppure via e.mail: camussob@comune.pinerolo.to.it.

andare all’appuntamento con il proprio fiduciario, entrambi con un documento d’identità valido e il codice fiscale. In questa occasione devono compilare e  firmare, di fronte agli impiegati del Comune, la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà:

• a questo punto la busta chiusa che contiene la D.A.T. viene numerata. Il numero viene annotato in un registro informatico e riportato su ciascuna delle dichiarazioni sostitutive dell’atto di notorietà firmate dall’intestatario e dal fiduciario.

ritirare la fotocopia della dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà con annotato il numero di registro assegnato. 

Il Comune archivia in una cassaforte la busta che contiene la D.A.T. insieme alle dichiarazioni dell’intestatario e del fiduciario.

Attenzione: Puoi fare la DAT anche se non nomini un fiduciario, in questo caso sarà il giudice tutelare  a provvedere alla nomina di un amministratore di sostegno (ai sensi del capo I del titolo XII del libro I del codice civile).

Costi : Gratuito

Termine conclusione : il procedimento è immediato

Orari:

Le dichiarazioni sono ricevute su appuntamento nei seguenti orari:

  • Lunedì 10.00 - 13.00
  • Martedì, Giovedì, Venerdì 9.00 - 11.30
  • Mercoledì 9.00 - 11.30 e 14.30 - 17.30
Per concordare un appuntamento chiamare negli orari sopra indicati tel. 0121 361223

Informazioni

Ufficio Servizi demografici
P.za Vittorio Veneto 1  - PINEROLO
referente: Barbara Camusso
tel: 0121361223
e-mail: camussob@comune.pinerolo.to.it
 

Normativa di riferimento

Legge 22 dicembre 2017, n. 219 “NORME IN MATERIA DI CONSENSO INFORMATO E DI DISPOSIZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTO”

Delibera del Consiglio Comunale n. 10 del 5 marzo 2013

Delibera della Giunta comunale n. 49 del 13/02/2018