Skip to main content

 

 

Comunicato stampa del 30 agosto 2021

 

Il 4 e 5 settembre 2021 i musei Civici di Pinerolo riaprono le porte ai visitatori dopo circa un anno di chiusura e lo fanno in grande durante la Notte delle Muse. Opere viventi impersonate da attori, ballerini e musicisti diventeranno parte integrante del percorso museale con esibizioni sul tema “Vincere la paura”: riscoprire il passato per superare l'inquietudine del futuro. Un racconto in otto tappe museali per innamorarsi del nostro patrimonio.

Per il quinto anno, sabato 4 e domenica 5 settembre 2021 torna a Pinerolo la "Notte delle Muse": in quest'occasione, dopo oltre un anno di chiusura, i musei Civici di Pinerolo riaprono le loro porte ai visitatori con nuovi allestimenti e una nuova gestione. Fin dalla sua nascita con la Notte delle Muse il Comune di Pinerolo ha perseguito un solo obiettivo: abbattere i muri dei musei (Civici e non civici) per far (ri)scoprire alla comunità il patrimonio di storie, arte, conoscenze che conservano nella cornice eccezionale dell'apertura serale. In occasione dell'edizione 2021 della rassegna, una serie di opere viventi impersonate da attori, ballerini e musicisti diventeranno parte integrante del percorso museale e le esibizioni saranno legate tra loro dal tema “Vincere la paura”. Un tema centrale nel contesto storico attuale, perché entrare in un museo serve ad avvicinarsi a un dipinto, un reperto archeologico, un cimelio ma anche ad ascoltare le storie che vi sono conservate e narrate per uscirne cambiati e più consapevoli e capaci di accettare l'incertezza del futuro. Le esibizioni - realizzate da Maia Events che ha curato il progetto - sono state pensate affinché si inseriscano in maniera coerente e armoniosa con le collezioni di ciascun museo. Per questa ragione saranno tutte differenti e spazieranno dalla comicità alla riflessione introspettiva, dall'espressione della paura e del suo superamento attraverso il linguaggio del corpo fino alla rivisitazione in chiave storica del concetto stesso della paura. Le musiche e i testi attingono dal patrimonio musicale, filosofico e artistico italiano ed europeo che nel corso dei secoli ha esplorato il tema della paura nelle sue molteplici sfaccettature: dalle paure ancestrali dell'uomo nel suo complesso rapporto con la natura fino alla paura di sé e dei propri limiti. I musei (civici e non civici) che ospiteranno le opere viventi della Notte delle Muse sono: Civico Museo didattico di Scienze Naturali “Mario Strani; Civico Museo Etnografico del Pinerolese; Collezione Civica d'Arte; Museo Civico di arte preistorica; Casa del Senato; Museo Diocesi di Pinerolo; Museo Storico del Mutuo Soccorso; Museo Storico dell'Arma di Cavalleria.